cover-tre-in-uno

Pellegrino, Zuccheri
TRE IN UNO - Piccola Enciclopedia della Matematica Intrigante

Digital Index Editore, Modena, 2013
ISBN 9788897982487
Formato epub 3: video animazioni, formule matematiche con MathML, popup interattivi.

Anteprima on line su Google Play

  iBookstore Badge IT 126x40 0311

Riuscireste voi, con tutta la fantasia del mondo, a mettere insieme in un unico ragionamento buoi e infinità del continuo, tangram e palloni da calcio?
Occorre una bella faccia tosta anche solo a proporlo, non trovate?
Certo, se siete abituati a mangiare le favolose torte di nonna Sofia e vi chiamate Andrea, tutto diventa più facile; i buoi fanno parte di leggendarie storie matematiche dell'antica Trinacria, chiamando in causa addirittura Diofanto; il confronto uno-a-uno fra insiemi continui viene, più che concepito, idealizzato da un tedesco di nome Georg; il tangram, al di là della sua apparenza leggera e giocosa, in realtà nasconde misteri matematici tuttora aperti.
E il pallone da calcio? Ma dai, questo lo sa anche nonna Sofia, non ha mica bisogno di un Andrea che glielo spieghi ... Tutti sanno che il pallone da calcio è un icosaedro convesso troncato che ha come facce 20 esagoni e 12 pentagoni regolari; è per questo che Maradona faceva quei goal geniali, per via delle sue indiscusse competenze matematiche: colpiva sempre l'angolo interno di un pentagono; mentre per fare il cucchiaio alla Totti bisogna colpire il centro di un esagono. Lo sanno anche i bambini.
Ma se nonna Sofia ha bisogno di essere sorpresa e sedotta dal nipotino Andrea, allora si possono chiamare in causa le coniche, i paradossi, la trisezione dell'angolo generico (con riga e compasso?) e le passeggiate sui ponti di certe famose K-città adagiate su P-fiumi. In questo modo c'è materiale succulento da offrire ai fanatici delle letture dei dialoghi: le posizioni non sono più stereotipate e Tito e Luciana, oh pardon, Andrea e Sofia, possono essere tra loro scambiati.
Come, come, lettore, non ci stai capendo niente? Oh, bella, dillo a me, che li conosco di persona e che so che sono in tre anche quando dicono d'essere in due; perché non c'è storia, frase, animazione, disegno, aneddoto, citazione, frase, data, formula, teorema, congettura, che Tito non abbia discusso dettagliatissimissimamente con Anna. Quando si sveglia la mattina, lui mica beve il caffè leggendo il quotidiano, come tutti i pensionati del mondo; no, lui racconta ad Anna tutte le elucubrazioni notturne su meccano, gioco, filatelia e gli altri ambiti nei quali ha deciso di inserire le sue storie, che spesso sono storie di storie. (Lei dorme, lui sogna). Solo passato quel vaglio, giunge alla proposta, ne parla anche con Luciana e parte con accuratissima bibliografia e insidiose note micidiali.
Ah, le note; si sarebbe potuto fare due volumi, testo e note, sì 457 note a fondo libro, ho detto quattrocentocinquentasette, ciascuna più gustosa e ricca delle altre; ma qualcuno l'ha mai fatto un libro di sole note? Io una volta scrissi un racconto (pubblicato nel mio superpremiato libro Icosaedro), che era formato di 2 righe di testo e di infinite note a pie' di pagina. Ma io l'ho fatto apposta, Tito no, per lui la nota è nota, serve per entrare in dettaglio, per dire fuori testo quel che il testo non può dire, la chiosa ghiotta, l'appiglio colto, la finezza succulenta, che invoglia il lettore a impegnarsi nell'andare a cercare cercare per sapere sapere. Sono note sfiziose, tutte, ciascuna potrebbe essere un oggetto per un nuovo dialogo fra Sofia ed Andrea. Già lo immagino, un labirinto-dialogo.
Dal punto di vista storico c'è di tutto, dagli arpenodapti piramidali agli sferici creatori di giochi matematici, fra i quali spicca il suo beniamino Martin Gardner (che è poi beniamino di tutti noi ... giocherelloni) (e questo avrei potuto metterlo in nota) (e anche questo) (...), da Galileo a Lakatos, da chi si interessa agli aspetti affettivi, a chi vuol dimostrare o contraddire congetture, c'è spazio per tutti.
E così, mentre Andrea sorprende questa splendida e cusaniana nonna Sofia (dottamente ignorante) in un dialogo che ha il sapore di un testo socratico-galileiano-lakatosiano a forma di (altro) labirinto, mentre convince noi stessi all'interno di un effetto Droste senza fine, la matematica ti avvince, ti lascia come attonito, intrigante, appunto.
Se sai le cose, sei ammaliato dal modo in cui esse sono raccontate e Simplicio ci fa la figura del dilettante; se non le sai, cavolo!, ti prende la frenesia di saperle, perché non è possibile arrivare in fondo ad un periodo ignorando gli infiniti riferimenti e le mille note che illustrano e illuminano gli argomenti trattati, uno per uno.
Certo, tutto ciò, scritto in un testo di carta, con copertina, pagine, inchiostro ha il suo fascino, ma anche le sue limitazioni; in un testo di carta, come avrebbe fatto Tito a farci stare le sue animazioni, il pop up, i colori? Lui con le animazioni mica scherza, le costruisce con una pazienza certosina e la usa per spiegare, non per illustrare. Prendete quella del teorema di Pitagora e lasciatevi sorprendere.
In un libro di carta, sarebbe stato impossibile, in uno elettronico tutto è possibile.
Nonna Sofia si lascia avvincere dal tangram, ma mai smette di produrre torte e simili leccornie; Andrea non molla mai, te lo immagini a mangiare per punizione tutte le torte preparate da Sofia con immagini ottenute con i sette pezzi tan, parlando e masticando? E che cosa gli diamo da bere e a questo giovane filomatematico mangiatorte? Mistero! E Tito? E Luciana? E Anna? A chi toccano le torte? Le fa forse Tito e Luciana le mangia? Stento a crederlo, credo invece ad una collaborazione su diversi piani. Alla prorompente immaginazione creativa di Tito, che contrasta con la sua pignoleria allucinante e severa ma garbata, si contrappongono le sensate e lungimiranti vedute di Luciana ed Anna. Non c'è immagine, formula, testo, figura, ipotesi, ... che non venga vagliata in modalità multiforme, discussa nei dettagli, anche le singole note, i singoli riferimenti, come solo gli ipercritici creativi sanno fare.
Andrea: Nonna, e allora, ti piace la matematica?
Sofia: Sì, adesso devo proprio dire di sì. Ma non è la matematica che pensavo io, questa è una matematica davvero intrigante, non noiosa e piena di stereotipi.
Andrea: Certo nonna, è sempre così quando ci mette lo zampino zio Tito.
Sofia: Imparare questa matematica mi piace, mi dà soddisfazione, risponde a tante curiosità. Ma adesso è così la matematica che si fa a scuola?
Andrea: Non lo so quel che avviene nelle altre scuole, nella mia classe no.
Sofia: Ma è proprio vero che c'è un legame fra matematica e arte, letteratura e poesia?
Andrea: Ma certo, nonna, come fai a dubitarne, dopo tutti gli esempi che ti ho dato? Diamo questo dialogo in mano a tutta quella gente che ... "io la matematica non", e stiamo a vedere quante Sofie emergono.

Bruno D'Amore, già professore ordinario, PhD in Mathematics Education
Docente di "Didattica della Matematica"
Dipartimento di Matematica - Università di Bologna

 

 

Indice dell'Opera

  • Presentazione di Bruno D’Amore
  • Premessa alla presente edizione
  • Prefazione alla edizione 2008
  • Strutturazione del libro (edizione 2008)
  • PARTE PRIMA - Dialogo, a due voci, intorno ad una Antica Scienza, la sua collocazione nel contesto della conoscenza, i suoi rapporti con la cultura umanistica e quella tecnologica, il suo progredire e i pregiudizi che la circondano

1. QUADRO PRIMO Del tangram e delle sue origini; della prima impressione, dei dubbi e dei timori che genera in nonna Sofia.
2. QUADRO SECONDO Delle proteste e del crescere dei dubbi di nonna Sofia; del Nobel; della pacata risposta di Andrea; dei progressi della scienza e del divenire della matematica.
3. QUADRO TERZO Dell’analogia di Andrea tra il fare matematica e il giocare con il tangram; dei problemi con una sola soluzione; del modificarsi dell’atteggiamento di nonna Sofia dopo il crollo di una sua ingenua convinzione.
4. QUADRO QUARTO Del prosieguo del discorso di Andrea; della crescente sintonia tra Andrea e nonna Sofia; dei problemi con due, tre, … o anche più soluzioni.
5. QUADRO QUINTO Dell’estendersi del discorso di Andrea al di là, o meglio, al di qua dei problemi con una, due o più soluzioni; delle altre sorprese ed ammissioni di nonna Sofia.
6. QUADRO SESTO Dell’incalzare di Andrea con nuovi tipi di problemi; dei problemi aperti e dei problemi di classificazione; del mutarsi in nonna Sofia delle inquietudini in curiosità.
7. QUADRO SETTIMO Del colpo da maestro di Andrea; dei problemi che obbligano a rivedere convinzioni generalizzate; dell’interesse crescente di nonna Sofia che si muta in vero e proprio entusiasmo.
8. Epilogo Morale della favola

  • PARTE SECONDA - Visite guidate (matematica da e-leggere)

9. ITINERARIO PRIMO La matematica tra gioco, divulgazione e … riconoscimenti
9.1. Elogio del gioco
9.2. Divulgazione e cura della immagine della matematica
9.3. Premi & Premi
10. ITINERARIO SECONDO Matematica: tempi e modi
10.1. L’indovinello più vecchio del mondo
10.2. I primi passi da gigante
10.3. I tre problemi dell’antichità classica
10.4. Forma & Sostanza
10.5. L’infinito diventa “attuale”
11 ITINERARIO TERZO Matematica dilettevole e curiosa tra scienza e formazione
11.1. Matematica e affettività
11.2. Matematica ricreativa nei tempi che furono
11.3. Matematica ricreativa e scienza
11.3.1. Matematica nata da giochi d’azzardo
11.3.2. Matematica nata da passatempi e rompicapo
11.4. Matematica dell’utile e del dilettevole in libreria (e in… biblioteca)
11.4.1. Non solo problemi
11.4.2. Matematica, cultura arte e…
12 ITINERARIO QUARTO Gare & Problemi
12.1. Disfide di matematica
12.1.1. Fibonacci alla corte di Federico II
12.1.2. Tartaglia contro Antonio Maria Fior
12.1.3. Tartaglia contro Ludovico Ferrari
12.1.4. Pascal contro tutti
12.2 Competizioni di matematica
12.2.1 Le Olimpiadi Internazionali della Matematica
12.2.2 Il Kangourou della Matematica
12.2.3 I Campionati Internazionali di Giochi Matematici
12.2.4 Il Rally Matematico Transalpino
12.2.5 Le Gare a Squadre
12.2.6 Pubblicazioni e riferimenti web
13 ITINERARIO QUINTO Problemi & Congetture
13.1. Il problema della risoluzione delle equazioni algebriche e la nascita dell’algebra moderna
13.2. Il problema delle parallele, nuove concezioni della geometria e della fisica
13.3. Nuovi problemi, nuove congetture
13.3.1. I magnifici sette & Co.
13.3.2. Il fascino irresistibile delle Sirene ovvero tre congetture amate dai matematici dilettanti.

 

 

Segnalato da UNITS -   

ANTEPRIMA
Le matemati ...fiabe
nuova collana per bambini!
cover-cenerentola-web

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per ricevere le novità sui libri digitali in uscita.
Non riceverai più di 12 comunicazioni all'anno :-)

In pubblicazione

  • cover COMUNICAREwww

     
  • cover logistica areonautico

     
  • cover logistica industriale web

     
  • cover-anno-nido-web-2
     
  • cover-limiti-regole-web
     
  • cover tecnologia digitaleIII

     

__________________

QR-Code dieser Seite
Vai all'inizio della pagina